Posted on: 29 Giugno 2020 Posted by: Federico Bosio Comments: 0

Il lockdown è terminato ormai da tempo, ma i segni che ha lasciato sono ancora ben impressi nella mente della popolazione. Certo non una situazione impossibile da affrontare, ma due mesi nei quali i cittadini hanno compreso l’importanza di potersi muovere come e quando vogliono. Una possibilità che adesso, pur se vincolata dal rispetto di alcune necessarie regolamentazioni, hanno ritrovato. E allora ecco che diventa molto più semplice motivare quello che sta accadendo in Campania nelle ultime settimane, e in particolare nell’area geografica corrispondente all’Altirpinia.

I numeri di turisti registrati nel recente periodo dimostrano una crescita evidente e sostanziosa rispetto alla media: e la maggior parte di questi visitatori proviene proprio dalla stessa Campania. Tutte queste statistiche certificano un ritrovato interesse per le gite fuori porta a tema ambientale: l’Altirpinia infatti offre un insieme di laghi di assoluto valore naturalistico e bellezza, che però troppo spesso non sono stati goduti e apprezzati a pieno. La tendenza sembra adesso essersi invertita, con un flusso turistico in netto incremento.

Gite fuori porta presso i laghi dell’Altirpinia

La stagione estiva è appena cominciata eppure i numeri lasciano già presagire un afflusso da record per tutte le località della zona, e in particolare proprio per i laghi, molte volte non così noti nemmeno ai residenti. Una realtà che sembra incredibile se si pensa alla bellezza che questi panorami possono offrire: dal laghetto alle falde della contrada Monticchio (tra Sant’Angelo dei Lombardi e Rocca San Felice) al lago di contrada Porrara fino a quello di località Patetto, conosciuto come “il lago formato” e fitto di meravigliosa vegetazione.